I migliori e i peggiori della decima giornata NFL

Top e Flop: chi sono stati i migliori e i peggiori della decima giornata di campionato?

I 3 migliori e peggiori giocatori della decima giornata di campionato: ritorna Top e Flop, la rubrica più amata di The Blitz. Sempre più immediata, famelica e pungente.

TOP 1: PATRICK MAHOMES, QB CHIEFS

Finalmente Patrick Mahomes! Il quarterback di Kansas City tira fuori una performance di altissimo livello nel Sunday Night contro i Raiders. Mahomes segna 5 touchdown e lancia per oltre 400 yard. Fa particolarmente impressione un dato: dopo il punt nel 1° drive, i Chiefs hanno segnato ben 7 volte di fila (sarebbero state otto se non avessero sbagliato un field goal). L’ex MVP non ha forzato lanci lunghi, ma ha preferito guadagnare con lanci nel corto-medio raggio, come sottolineato anche da Andy Reid in conferenza stampa. Con questa vittoria i Chiefs salgono in vetta alla AFC West. Dati per morti troppo presto, ai playoff bisognerà fare – quasi sicuramente – ancora i conti con Mahomes e compagni.

TOP 2: DEEBO SAMUEL, WR 49ERS

Nella notte del debutto in maglia Rams di Odell Beckham e Von Miller, a prendersi la scena è il ricevitore dei 49ers Deebo Samuel. Il prodotto di South Carolina risulta imprendibile per la difesa dei Rams, una delle migliori della lega, accumulando 133 yard e 2 touchdown, uno corso e uno ricevuto. Il touchdown in ricezione è una gemma: Samuel riceve in mezzo a due difensori e successivamente elude in velocità Fuller, andando a firmare il 31-7. Con questo successo i 49ers raggiungono la quarta vittoria stagionale e si riavvicinano ai playoff, visto che le wildcard sono solo a una partita di distanza.

TOP 3: RHAMONDRE STEVENSON, RB PATRIOTS

Con Damien Harris fuori per concussion, Stevenson sfrutta alla grande la possibilità di partire titolare giocando una partita da ricordare. Il rookie supera le 100 yard corse e segna due touchdown, contribuendo alla netta vittoria dei suoi Patriots su Cleveland. A causa delle corse di Stevenson e dei lanci del giovane Mac Jones, la difesa dei Browns ha vissuto un pomeriggio da incubo. I Patriots con questo attacco giovanissimo stanno conquistando tifosi e addetti ai lavori, ma soprattutto sono alla quarta vittoria consecutiva e a questo punto i playoff non sono più un sogno.


FLOP 1: MIKE WHITE, QB JETS

La leggenda di Mike White sembra essere già terminata dopo due settimane dall’esordio perfetto contro Cincinnati. Il quarterback di New York sembrava potesse dare alla squadra la competitività che da troppi anni manca in casa Jets, anche lui sentiva di essere l’uomo giusto viste le dichiarazioni rilasciate ai media, nelle quali sosteneva che al Draft si sarebbe meritato la prima chiamata assoluta. L’ambiente era tutto dalla sua parte, ma il match contro Buffalo è stato la dimostrazione che contro i Bengals due settimane prima si è trattato solo del classico colpo di fortuna. White non riesce mai a impensierire la difesa dei Bills, che lo intercetta ben 4 volte, e finisce per essere messo in panchina in favore di Joe Flacco. Un ritorno sulla terra davvero brusco per lui.

FLOP 2: DK METCALF, WR SEAHAWKS

Il ricevitore di Seattle appare nervoso e poco incisivo nella brutta sconfitta di Seattle a Green Bay. I presupposti per assistere ad una grande partita c’erano tutti, purtroppo per il pubblico le superstar in campo non hanno regalato grandi emozioni, a cominciare dai due quarterback Rodgers e Wilson entrambi al rientro. Metcalf però, oltre al fatto di aver giocato una partita decisamente sotto i suoi standard, dà sfogo alla sua frustrazione sferrando una manata a Black che gli costa l’espulsione. Un comportamento davvero immaturo che ha poco a che fare con un giocatore del suo talento che punta a vincere e dominare con Seattle. Le qualità per far bene ci sono, se Metcalf vuole diventare il ricevitore migliore della lega dovrà limare degli aspetti anche mentali del suo gioco.

FLOP 3: PAT FREIERMUTH, TE STEELERS

Il giovane tight end degli Steelers si sta dimostrando un target affidabile e dalle grandi potenzialità per l’attacco di Pittsburgh. Contro Detroit ha però giocato una partita al di sotto delle sue possibilità. Freiermuth durante il match è stato spesso raddoppiato dalla difesa dei Lions, producendo appena 31 yard. Verso la fine dell’overtime ha avuto però l’occasione di far avanzare l’attacco di Pittsburgh fino al raggio da field goal, ma dopo aver ricevuto il lancio di Rudolph ha perso il possesso del pallone dopo il colpo subito da Harris, proprio pochi centimetri prima di uscire dal campo. Ciò ha permesso a Detroit di uscire imbattuta da una partita per la prima volta nel 2021. A causa dell’errore di Freiermuth, gli Steelers hanno perso la possibilità di agganciare i Ravens in vetta all’AFC North.

Articolo precedente Field Goal: i tre temi più interessanti della decima giornata NFL
Prossimo articolo Cover 2: il Podcast di The Blitz [quinta puntata]