I migliori e i peggiori della sesta giornata NFL

Top e Flop: chi sono stati i migliori e i peggiori della sesta giornata di campionato?

I 3 migliori e peggiori giocatori della sesta giornata di campionato: ritorna Top e Flop, la rubrica più amata di The Blitz. Sempre più immediata, famelica e pungente.

TOP 1: DERRICK HENRY, RB TITANS

Rileggendo ciò che dicevano gli analisti prima del Draft 2016 viene da sorridere: “running back potente ma non rompe i placcaggi”, “dubbi legati alla sua tenuta fisica”, “non varia né aumenta la velocità” e altri difetti vari. King Henry ha risposto sul campo con oltre 6000 yard corse e 65 touchdown. Per quanto riguarda la velocità, contro Buffalo ha realizzato un touchdown da 76 yard correndo a 21.8 mph, la più alta velocità registrata nel 2021. E’ da 3 anni che Henry è uno dei giocatori più dominanti della lega (2 volte leader delle yard corse) e per i difensori è un incubo fermarlo, visto che a volte vengono letteralmente spazzati via. I numeri in stagione dicono 783 yard e 10 touchdown, sarà lui l’MVP?

TOP 2: CEEDEE LAMB, WR COWBOYS

Grandissima prestazione del ricevitore ex Oklahoma che grazie all’affinità con Prescott risulta inafferrabile per la difesa dei Patriots. In una partita vissuta sulle montagne russe, Lamb è decisivo prima con una presa pesantissima su un 3rd & 25, che permette a Zuerlein di portare la sfida ai supplementari, e poi con il secondo touchdown di giornata che regala ai suoi Cowboys la vittoria. I numeri totali sono impressionanti: 9 ricezioni, 149 yard e 2 touchdown. A questo punto viene da chiedersi: Lamb è già nell’élite dei ricevitori della lega?

TOP 3: TJ WATT, LB STEELERS

Per quattro quarti Geno Smith è riuscito a sfuggire all’incubo TJ Watt trascinando i Seahawks fino ai supplementari, dove però poi il linebacker degli Steelers ha deciso di vincere la partita da solo. Watt ha messo a segno prima un sack che ha costretto al punt Seattle nel primo drive dell’overtime e poco dopo ha addirittura strappato l’ovale a Smith dando un’ottima posizione al kicker Boswell, che ha segnato il calcio della vittoria. Il fratello di JJ nonostante l’assenza di sack nei tempi regolamentari, aveva fermato ben 3 passaggi mettendo sotto pressione la linea offensiva dei Seahawks.


FLOP 1: DANIEL JONES, QB GIANTS

Nelle prime 5 partite, grazie soprattutto alla sua mobilità, Daniel Jones era riuscito a subire appena un intercetto. Contro l’aggressiva difesa dei Rams invece il quarterback ne ha subiti addirittura 3 (perdendo anche un fumble), risultando il peggiore in campo dei suoi. Jones è ormai alla terza stagione NFL e i miglioramenti al passaggio sembrano non esserci, ciò potrebbe costargli il posto alla fine dell’anno. Anche Eli Manning nei primi anni di carriera fece moltissima fatica (nel terzo anno subì 18 intercetti), ma al quarto anno spazzò via i dubbi battendo gli invincibili Patriots nel Super Bowl: riuscirà Daniel Jones a emulare il suo predecessore?

FLOP 2: MIKE WILLIAMS, WR CHARGERS

Chiamato alla grande partita anche contro i Ravens, Mike Williams – una delle sorprese di questa stagione – ha deluso le aspettative. Con ben due drop registrati e appena due ricezioni per 27 misere yard. La fotografia della partita di Williams è il drop su un quarto down, azione nella quale era marcato dal forte Marlon Humphrey. Se i Chargers vogliono avere chance di puntare a qualcosa di importante, serviranno delle altre prove di spessore di Mike Williams, soprattutto quando marcato da grandi cornerback.

FLOP 3: DAVID JOHNSON, RB TEXANS

Nel 2016 David Johnson sembrava avere un futuro radioso dopo un anno fantastico da 20 touchdown. Da quel momento la carriera del running back è invece cambiata in negativo, soprattutto a causa dei diversi infortuni subiti. L’ex Cardinals contro i Colts ha disputato una delle peggiori partite della carriera: appena 21 le yard guadagnate e un fumble perso. Ormai la carriera di David Johnson sembra essere segnata; Houston potrebbe pensare anche di tagliarlo visto che, ad oggi, Ingram e Lindsay sembrano essere decisamente più utili alla causa.

Articolo precedente Field Goal: i tre temi più interessanti della sesta giornata NFL
Prossimo articolo Cover 2: il Podcast di The Blitz [prima puntata]