Le migliori 5 performance clutch

Non è NFL senza partite decise all’ultimo drive. Tra kicker che fanno la storia e chi la storia l’ha già scritta, abbiamo scelto le migliori performance per vincere la partita.

Justin Tucker

La storia della NFL è basata su grandi giocatori che vincono le partite all’ultimo secondo. Se i momenti che rimangono impressi nella testa dei tifosi di solito avvengono al Super Bowl (e qui trovate i nostri preferiti), anche in regular season ci sono partite decise da una prodezza individuale o collettiva e di solito a fine anno sono quelle che pesano di più in chiave playoff.

Questa pazza Week 3 ci ha regalato ben cinque partite decise all’ultimo drive, con quattro kicker che sono risultati decisivi e una gran difesa. Questa la nostra top 5:

1 Justin Tucker fa la storia

Il destino a volte è beffardo. Fino a qualche ora fa, il record per il field goal più lungo della storia apparteneva a Matt Prater, con 64 yard. In questa stagione ha già segnato un field goal dalle 62 yard, così poco prima dell’intervallo della gara tra i suoi Cardinals e i Jaguars, con l’ovale sulle 68 yard è entrato in campo per ritoccare il suo record. Il risultato non è stato esattamente quello sperato, con il field goal che era abbondantemente corto ed ha fatto la storia per la ragione sbagliata.

Per aggiungere la beffa definitiva alla domenica del povero Prater, qualche ora dopo Baltimore è stata costretta a calciare dalle 66 yard per vincere la partita contro i Detroit Lions. Con un altro kicker probabilmente coach Harbaugh avrebbe scelto di provare il più classico degli “Hail Mary”, ma quando hai il più grande kicker della storia in squadra, la scelta appare scontata.

Justin Tucker ha dovuto cambiare la sua consueta meccanica di tiro ed il calcio è arrivato al pelo alla traversa, ma sono pur sempre tre punti, la vittoria e il record per il field goal più lungo della storia, che va a fare compagnia al titolo di kicker più accurato di sempre (90,74%). Vinatieri ha avuto la carriera più lunga e con più successi di squadra, ma il più grande kicker della storia indossa la maglia dei Ravens.

2 Ancora Aaron Rodgers

Week 1: Aaron Rodgers è in declino, la telenovela estiva lo ha distratto.

Week 2: Aaron Rodgers è tornato (o meglio, non era mai andato via).

Week 3: 37 secondi dalla fine, un punto da recuperare, due lanci per Davante Adams per un totale di 42 yard, due spike per fermare il tempo (di cui l’ultimo per il kicker).

Certo, poi bisogna pur sempre segnare un field goal dalle 51 yard, ma per quello ci ha pensato Mason Crosby.

3 Fermare Mahomes?!

A volte una decisione a prima vista stupida può portare ad un grande momento. La prima regola di ogni difesa NFL è “NON LASCIARE IL DRIVE DELLA VITTORIA A MAHOMES”. Eppure, con una quarantina di secondi dalla fine della partita, 1st&goal dalle 4 yard ed i Chiefs con solo un time-out, i Chargers hanno deciso di lasciare tempo per un ultimo drive di Mahomes.

Il bellissimo touchdown di Mike Williams ed il conseguente extra point fallito (è ironico pensare che il field goal che avrebbero dovuto calciare sarebbe stato più vicino dell’extra point) hanno preparato i tifosi a uno scenario che negli ultimi anni abbiamo visto spesso: Mahomes, Hill e Kelce, tutto il campo da percorrere e poco tempo a disposizione.

Sembrava tutto già scritto, ma gli Chiefs non hanno fatto i conti con la difesa dei Chargers. Su cinque snap che sono riusciti a fare, hanno tirato fuori una corsa da 26 yard e quattro incompleti di Mahomes. Kansas City battuta per la seconda partita di fila (non succedeva dal 2019).

4 I Raiders fanno sul serio

Ad inizio anno erano in molti gli scettici sulla stagione dei Raiders (bisogna saper ammettere i propri errori), eppure sono 3-0 con un attacco tra i primi della Lega.

Tra i volti meno noti dell’attacco di Las Vegas c’è Bryan Edwards, wide receiver al secondo anno che l’anno scorso ha finito con 16 yard di media. “Ovviamente” il paragone che è venuto in mente a Gruden è Terrell Owens.

Per le prime due partite della stagione, Edwards è stato praticamente inesistente. Poi è arrivato l’overtime della partita contro i Dolphins e sembrava davvero di vedere Terrell Owens. Due ricezioni da più di 30 yard per mettere i Raiders in condizione di calciare due field goal (compreso quello decisivo per vincere la partita).

5 Koo rovina la serata di Eli

Nel giorno del ritiro della maglia di Eli Manning, ci pensano Matt Ryan e il kicker Younghoe Koo a rovinare la serata ai tifosi dei Giants.

Una partita non bellissima (a meno che non vi piacciano i punt), che però ha regalato un quarto quarto condito dalla rimonta dei Falcons. Sotto 14-7, Ryan prima ha orchestrato un drive da 15 azioni e 67 yard per il secondo touchdown della sua domenica, per poi concludere con un drive dopo il 2 minute warning risalendo il campo fino al field goal dalle 40 yard.

Ci ha pensato poi Koo a chiudere la partita e regalare la prima vittoria in carriera da capo allenatore a Arthur Smith.

Articolo precedente Field Goal: i tre temi più interessanti della terza giornata NFL
Prossimo articolo I migliori e i peggiori della terza giornata NFL