I Dieci Comandamenti del tifoso NFL

Non saranno scolpiti sulla pietra come quelli che vennero dati a Mosè, ma ogni tifoso dell'NFL sa che deve seguirli

1 Non avrai altro Dio all’infuori del tuo QB titolare.

Che sia Patrick Mahomes o Case Keenum il quarterback titolare rimane la figura più polarizzante per i fan, sia in positivo che in negativo. Se dopo una grande prestazione contro i rivali divisionali si è sempre pronti a metterlo in cima alle liste dei migliori QB della lega, dopo l’ennesima figuraccia nei playoff si ripeterà come un mantra solo questa parola: SOPRAVVALUTATO.

2 Non pronunciare “TOUCHDOWN!” invano.

Ultimi secondi del quarto quarto… la tua squadra è sotto di sei…lancio della disperazione verso l’endzone…TOUCHDOWN! Ma l’entusiasmo svanisce in fretta quando vedi gli arbitri consultarsi. Sono attimi di ansiosa attesa e alla fine il verdetto infrange ogni sogno “after reviewing the play, the ruling on the field is overturned”. Siamo in tempi di instant replay e regole confuse, mai esultare prima della conferma degli arbitri.

3 Osserva il giorno della domenica per santificarla, ma anche il giovedì e il lunedì.

Anche per i tifosi italiani il rito domenicale è sempre lo stesso, football, football e ancora football. Pazienza se il restante 90% degli italiani si sta vedendo Inter-Juve, il tifoso NFL sta probabilmente guardando Jaguars-Jets giocata dai QB di riserva perché siamo all’ultima giornata. I più arditi non si fermano alle partite serali: le occhiaie il giorno dopo al lavoro o in università non sono causate da festini scatenati, quanto da una passione incapace di essere frenata.

4 Onora tuo padre e tua madre.

Prima di Brady c’era Joe Montana, prima di Ezekiel Elliott c’era Emmitt Smith, prima di Antonio Brown c’era Jerry Rice e incollato alla tv prima di te c’era tuo padre o tua madre. La passione per questo magnifico sport è spesso ereditaria, magari cambieranno gli idoli, magari cambieranno le squadre, ma le emozioni rimangono le stesse. Onora tuo padre e tua madre e onora soprattutto la storia centenaria del football.

5 Non uccidere, anche se perdi al fantasy per un touchdown in garbage time.

Guardare una partita di football non è per forza uno spettacolo. A volte capitano partite più soporifere del peggior documentario. Per fortuna hanno inventato il fantasy football, il metodo migliore per rendere eccitante qualsiasi partita! Ti stai annoiando guardando l’ennesima sconfitta dei Bengals? Nessun problema, soprattutto se hai bisogno che il running back di riserva faccia almeno 113 yard per battere il tuo collega.

6 Non commettere adulterio.

Prima tifoso dei Broncos perché Elway il titolo in fondo se lo merita, poi tifosi Patriots perché la difesa di New England sembra quella dei Bears del ’75, poi si tifa Rodgers perché è il QB più talentuoso della storia, poi di nuovo Patriots perchè Brady e Belichick sono i migliori di sempre, anche se quel ragazzino di Kansas City sembra molto promettente… Tutti conosciamo il classico tifoso che sale sul bus dei vincitori, ma la squadra del cuore è una sola, non tradirla!

7 Non rubare, a meno che tu non sia un tifoso Patriots.

Nessuna squadra ha diviso il mondo del football come i Patriots di questo millennio. Per uno spicchio di tifosi è la più grande dinastia di sempre, per i tifosi fuori dal New England una squadra che vince grazie ad arbitri ed imbrogli. Tuck Rule, Spygate e Deflategate rimarrano impressi nella storia quanto i sei Super Bowl vinti. Si possono amare o detestare, ma di sicuro rimangono l’argomento di discussione numero uno per i tifosi NFL.

8 Non pronunciare falsa testimonianza.

Chi non si è mai vantato di aver predetto secoli prima l’improvvisa ascesa di un giocatore o di una squadra? Che Mahomes fosse capace di una stagione da 5.000 yards e 50 touchdown l’avevi detto dopo averlo visto al training camp? Sapevi che i Rams avrebbero segnato solo 3 punti nel Super Bowl dopo averli visto vincere 23-20 contro i Broncos? In realtà l’anno scorso hai scommesso sui Jaguars e non ti sei ancora tolto il tatuaggio che celebra la vittoria dei Patriots nel 2007, ma ciò non ti impedirà di predire che Daniel Jones finirà la carriera con più yards lanciate di Drew Brees.

9 Non desiderare il giocatore del tuo prossimo.

Ovviamente si scherza! Hai sempre sognato di vedere Rodgers supportato da un attacco adeguato? Il tuo sogno nel cassetto è vedere un QB di primo livello nell’attacco di Sean McVay? Pensi che i Seahawks potrebbero tornare al Super Bowl se attorniassero Bobby Wagner con difensori più forti? La stagione NFL non finisce a febbraio! Tra draft, free agency e potenziali trade, c’è sempre spazio per sognare.

10 Desidera la casa della tua squadra.

Per i tifosi italiani il sogno rimane sempre e solo questo: vedere una partita della propria squadra dal vivo. Le partite a Londra non bastano per placare questa voglia. Visitare impianti storici come il Lambeau Field o ultramoderni come lo stadio dei Falcons, essere il 12esimo uomo a Seattle o sventolare i “Terrible Towels” all’Heinz Field di Pittsburgh rimane un utopia per molti tifosi. Apprezzare la fisicità, il dinamismo e il talento di questi essere soprannaturali con l’elmetto dal vivo è un’esperienza per pochi, ma un sogno per tutti.

Articolo precedente La rivoluzione di Gruden è un fallimento?
Prossimo articolo La NFL è la lega sportiva più ricca del mondo?