John Brailler, il primo giocatore professionista

Altro che stipendi milionari, il primo professionista si accontentò di dieci dollari e fece la storia del Football

Se nel 2021 uno volesse comprare la figurina di John Brailler,il primo giocatore professionista nella storia del football, dovrebbe spendere ben 10 dollari. Se nel 1895 volessi ingaggiare John Brailler per giocare nella tua squadra, dovresti sborsare sempre 10 dollari.

Quando a fine anno Russell Wilson si ritrova un bonifico da 35 milioni, in parte lo deve anche a Brailler, nato a Cherry Tree, Pennsylvania nel 1876.

Nel 1893, mentre ancora stava finendo l’high school, scendeva in campo per la Indian Normal, la stessa università che qualche anno dopo verrà frequentata da Art Rooney, il fondatore dei Pittsburgh Steelers. Nella partita persa 28-0 contro il Washington & Jefferson College (l’alma mater di Roger Goodell), impressionò il coach avversario al punto da ricevere una borsa di studio per l’anno successivo.

It’s all about the money

Fino a qui è la storia più comune a quei tempi: stella all’high school, ti iscrivi all’università e poi giochi per qualche squadra mentre lavori per arrivare a fine mese. Eppure, nella vicina Latrobe il quarterback Eddie Blair si rese conto che avrebbe saltato la prima partita della sua squadra perché impegnato con la squadra di baseball di Greensburg.

Di conseguenza David Berry, il manager di Latrobe, contattò Brailler, che ovviamente rifiutò per paura di farsi male e mettere a repentaglio la sua carriera collegiale. Solo dopo la promessa di dieci dollari più le spese per quella partita (e “some cakes” se avesse giocato anche altre partite), Brailler accettò.

La sera prima della partita si allenò con la squadra per la prima volta alla luce di un lampione e martedì 31 agosto 1895, scese in campo come il primo giocatore a ricevere soldi per giocare a football.

Latrobe vinse 12-0 contro il Jeannette Athletic Club e Brailler segnò due field goal.

Dopo aver fatto la storia giocò un’altra partita prima di andare al college e successivamente tornò a giocare a Latrobe durante la guerra Ispano-Americana, dato che era stato assegnato a una base lì vicina. Tornò all’università nel 1899, alla University of Pennsylvania. Il rifiuto di Harvard di giocare contro Penn a causa del suo status da ex professionista mise definitivamente fine alla sua carriera collegiale.

La NFL riconobbe a Latrobe la nascita del professionismo e regalò biglietti gratis a vita a John Brailler, ormai un dentista in pensione.

Morì il 17 settembre del 1960, senza essere entrato nella Hall of Fame, ma scrivendo un pezzo di storia per dieci dollari.

Articolo precedente La storia della famiglia Bosa tra football e… mafia
Prossimo articolo Steagles: quando Philadelphia e Pittsburgh giocarono insieme